Colloquiale n.17 con Lello Voce

LELLO VOCE

COLLOQUIALE n.17

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola  un’intervista a Lello Voce, uno dei nostri intellettuali più controversi e sanguigni che ci parla di poesia, sperimentazione e poetry slam. Buona Visione, cliccando sull’immagine sotto:

Colloquiale n.13 con Giulia Niccolai

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola  un’intervista a Giulia Niccolai fotoreporter e poetessa, è stata una delle animatrici della Neoavanguardia e dell’esperienza del Mulino di Bazzano di Adriano Spatola.

Potete vedere la video intervista cliccando sull’immagine sotto:

Colloquiale n.12 con Maurizio Spatola

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola  un’intervista alla memoria storica delle neo-avanguardie e dell’esperienza seminale di Edizioni Geiger e Tam-Tam: MAURIZIO SPATOLA.

Potete vedere la video intervista cliccando sull’immagine sotto:

tumblr_obkzttmuot1sizr65o1_500

Buona visione!

undestanding (of language) are not enough/la comprensione (del linguaggio) non basta < = > Volodymyr Bilyk

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola  presentiamo la prima traduzione italiana di testi del poeta ucraino Volodymyr Bilik.
L’ebook “undestanding (of language) are not enough/la comprensione (del linguaggio) non basta” comprende poesie lineari e alcuni lavori visuali.
Traduzione di Ermanno Moretti, testo introduttivo a cura di Ermanno Moretti e Daniele Poletti.
Seconda uscita della nuova collana digitale dedicata alle traduzioni: TRANS – prove di traduzione.

Buona lettura:

12qweasdasdsad - Volodymyr Bilyk

12qweasdasdsad – Volodymyr Bilyk

http://www.diaforia.org/floema/2016/07/15/undestanding-of-language-are-not-enoughla-comprensione-del-linguaggio-non-basta-volodymyr-bilyk/

{una modesta proposta_3} Breve epistola sulle «qualità»

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola “Breve epistola” di Gualberto Alvino

Gualberto-Alvino

Il terzo intervento nel contenitore di UNA MODESTA PROPOSTA è una breve lettera che Gualberto Alvino ha inviato a Daniele Poletti in risposta alla questione della «qualità dell’opera» suggerita dal testo poetico “Vuoto 36” di Ermanno Moretti.

Buona lettura!

http://www.diaforia.org/floema/2016/02/19/una-modesta-proposta_3-breve-epistola-sulle-qualita/

{una modesta proposta_2} Vuoto 36

Su  f l o e m a – esplorazioni della parola Vuoto 36 di Ermanno Moretti

Retroattivamente abbiamo deciso di ricomprendere tutti gli articoli che usciranno sul tema di editoria e nuove scritture nel macroinsieme UNA MODESTA PROPOSTA, contenitore che si prefigge di abbracciare interventi teorici, pratici e fisici.
Con questo secondo appuntamento pubblichiamo un testo inedito di Ermanno Moretti, Vuoto 36, come lucida e provocatoria riflessione sullo stato e la statura delle lettere e dell’arte tutta.

http://www.diaforia.org/floema/2016/02/01/una-modesta-proposta_2-vuoto-36/

Buona lettura!

Ermanno Moretti

CONTROMANO < = > Nanni Balestrini + Colloquiale n.8 (English)

Balestrini2

We are glad to present our latest issue, [dia•foria n°14, which is also the second release of the series f l o e m a – esplorazioni della parola.

CONTROMANO > 8 poems + 6 collages by Nanni Balestrini, with a short essay by Fausto Curi.

http://www.diaforia.org/floema/2015/12/29/contromano-nanni-balestrini-colloquiale-n-8/

In the link to the post above you can also find a video interview with Nanni Balestrini recorded at the beginning of 2015, Colloquiale n.8.

Balestra copertina

The cover features artwork by Martina Maccianti.

Book facts:
Dimensions: 16 x 13 cm
Pages.: 72
Cover: b/w, paperback
Price: euro 10,00

The new cartilage can be ordered directly at our email: info@diaforia.org or on the most popular online book stores: IBS, AMAZON, LA FELTRINELLI, UNILIBRO, etc.

Enjoy the read (though in Italian)!

CONTROMANO < = > Nanni Balestrini + Colloquiale n.8

Balestrini2

Siamo lieti di presentare la cartilagine n. 14 di [dia•foria, seconda uscita della collana f l o e m a – esplorazioni della parola.

CONTROMANO > 8 poesie + 6 collage di Nanni Balestrini, con un breve saggio critico di Fausto Curi.

http://www.diaforia.org/floema/2015/12/29/contromano-nanni-balestrini-colloquiale-n-8/

Presentiamo anche un’intervista a Nanni Balestrini registrata all’inizio dell’anno, Colloquiale n.8.

Balestra copertina

 

In copertina un’immagine dell’artista Martina Maccianti.

Caratteristiche del volume:
F.to: 16 x 13
Pagg.: 72
Copertina: b/n
Confezione: brossura
Prezzo: euro 10,00

Il libro può essere richiesto direttamente all’indirizzo: info@diaforia.org o  sui maggiori siti librari in rete: IBS, AMAZON, LA FELTRINELLI, UNILIBRO, etc.

Buona lettura!

[dia•foria a BOLOGNA IN LETTERE

Triplice appuntamento per [dia•foria, venerdì 29 maggio e sabato 30 maggio, a BOLOGNA IN LETTERE, festival di letteratura voluto e organizzato da Enzo Campi e giunto alla terza edizione.
Potete trovare il programma completo a questo indirizzo:

https://boinlettere.wordpress.com/2015/04/19/bologna-in-lettere-2015-il-programma/

BIL

VENERDI 29: presso Cassero Lgbt Center, Via Don Minzoni 18 dalle 19.00, presentazione del saggio breve di Peter CarravettaSulla rivoluzione incompiuta di Pasolini”, fino ad oggi inedito in Italia

Peter Carravetta è titolare della Cattedra “Alfonse M. D’Amato” per gli Studi Italiani e Italoamericani alla Stony Brook University, nello stato di New York. Si occupa di ermeneutica, teoria critica, storia delle idee, avanguardie e postmoderno, poetiche e politica,  emigrazione, studi italoamericani, studi

Peter Carravetta

Peter Carravetta

inter-culturali, e l’Umanesimo italiano ed europeo. Attualmente sta ultimando una ricerca sulle origini dell’emigrazione e del colonialismo italiani.
Fondatore e direttore della rivista  Differentia, review of italian thought (9 fascicoli, 1986-1999), Carravetta è autore di Prefaces to the Diaphora. Rhetorics, Allegory and the Interpretation of Postmodernity (W. Lafayette (IN), Purdue University Press, 1991), Il fantasma di Hermes. Saggio su metodo retorica interpretare (Lecce, Milella 1996), Dei parlanti. Studi e ipotesi su metodo e retorica dell’interpretare (Torino, marcovalerio, 2002), Del Postmoderno. Critica e cultura in America all’alba del duemila (Milano, Bompiani, 2009); Sulle tracce di Hermes. Migrare, Vivere, Riorientarsi (Milano, Morellini Editore, 2012); The Elusive Hermes. Method, Discourse, Interpreting (Aurora (CO), The Davies Group Publishers, 2013); La funzione Proteo. Ragioni della poesia e poetiche della fine (Roma, Aracne, 2014).  Ha co-curato Postmoderno e letteratura. Percorsi e visioni della critica in America (Milano, Bompiani, 1984) e Poeti italiani d’America (Treviso, Pagus, 1993).
Ha tradotto dall’italiano all’inglese l’opera avanguardistica di Martino Oberto, Anaphilosophia (Campanotto, Udine, 1993; ed. bilingue), una raccolta di saggi di Gian Carlo Pagliasso, Déjà Chimera. Writings 1987‑1999 (Editions d’Afrique du Nord, Tanger, 2001), una raccolta di poesie di Flavia Pankiewicz,  Eclissi americane / American Eclipses  (W. Lafayette (IN), Bordighera Press, 1999), e l’antologia filosofica di Gianni Vattimo e Pier Aldo Rovatti, Il pensiero debole (orig. it. 1983), Weak Thought (Albany, SUNY Press, 2012). Ha tradotto dall’inglese all’italiano il libro di poesie di Richard Milazzo, Piccola luna cinese (Udine, Campanotto, 2010)
Dall’inglese all’italiano ha tradotto Small China Moon di Richard Milazzo (Piccola luna cinese, Campanotto, Udine, 2009), testi poetici di John Cage, Bern Porter, e Paul Vangelisti, poeti-soldati del Vietnam, e testi critici di Richard Prince, Richard Palmer, Richard Milazzo, e Charles Bernstein.
Carravetta ha inoltre scritto otto libri di poesia: percorso masticato (Seledizioni, Bologna 1974); existenz (Adams Press, Chicago, 1976),  delle voci (Anterem, Verona, 1980); dialogi v (Tam Tam, Reggio Emilia, 1987);  metessi (1980-1989) (Ripostes, Salerno 1991);  The Sun and Other Things (Guernica, Toronto, 1998); L’infinito (poesie scelte 1972-2012) (Campanotto, Udine, 2012; Premio Lorenzo Montano 2013); e The Other Lives (Guernica, Toronto, 2014).

[...] Si potrebbe quindi vedere nell’opera di Pasolini il tramonto stesso della tradizione simbolista, nel senso che, pur restando in debito allo stile del Simbolismo, egli ne radicalizza le premesse, sovvertendole dall’interno. Se è vero che le avanguardie, in particolare le neo-avanguardie italiane degli anni ‘60, derivano in parte dal simbolismo francese7 e dai vari –ismi che esso ha generato, allora la critica pasoliniana delle diverse poetiche avanguardiste dovrebbe coincidere con il superamento tout court dell’anima Simbolista/Modernista dalla nostra tradizione culturale. [...] 
(da Peter Carravetta "Sulla rivoluzione incompiuta di Pasolini"; edizioni [dia•foria/Cinquemarzo, a cura di Daniele Poletti)

 

una-modesta-proposta_locandina

SABATO 30: presso Libreria Coop Zanichelli, Piazza Galvani 1/H dalle 11.00 alle 13.00, tavola rotonda su editoria e poesia con “UNA MODESTA PROPOSTA”, progetto a dialogo ideato e curato da Luca Rizzatello

 

 

SABATO 30: presso SPAZIO 100300 – Via Centotrecento 1/A dalle 17.30, presentazione del libro di Fabio Teti “spazio di destot”, primo volume della collana di scrittura sperimentale  f l o e m a

Fabio Teti è nato a Castel di Sangro (AQ) il 17/12/1985. Vive e lavora a Roma, dove nel 2012 si è laureato in Lettere Moderne con una tesi sulla poesia di

Fabio Teti

Fabio Teti

Giuliano Mesa. È stato redattore di «gammm.org» e «puntocritico.eu»; collabora, dalla fondazione, alle attività di «eexxiitt.blogspot.com». Suoi testi sono comparsi in diverse riviste, lit-blogs e web-zines tra cui «Semicerchio», «Nazione indiana», «L’Ulisse», «Allegoria», «alfabeta2», «l’immaginazione». In traduzione inglese, è presente sul «Journal of Italian Translation» (2012) e nell’antologia online «FreeVerse – Contemporary Italian Poetry» (2013); in traduzione franscese, in «Nioques» (2015). Nel 2013 ha pubblicato, all’interno del volume antologico Ex.It. 2013. Materiali fuori contesto (Tielleci, Colorno), le prose di sotto peggiori paragrafi e, per La Camera Verde di Roma, b t w b h  (frasi per la redistribuzione del sensibile), uno dei cui testi è stato esposto, nel maggio 2014, al MACRO di Roma, nell’ambito della mostra collettiva se il dubbio nello spazio è dello spazio, a cura di Nemanja Cvijanović e Maria Adele Del Vecchio.

 

non trapianto, non amo il gioco non la
dimensione della corrente. procedure di deformazione
ossea: è la forza della corda alla mia
testa. carneade, necrologio di un’amica, non ci
siamo. sono caduto, lo lego mentre lo leggo, se
non sai nuotare per le lunghe distanze, spingere
il treno deragliato e aprii gli occhi, dubbio nello
spazio, dello spazio, a frattura: l’esperienza e la
scomparsa, la speranza e lo spirito del quadrato
semiotico, la linea: allotria, non credere, non è
sufficiente
(da Fabio Teti "spazio di destot"; edizioni [dia•foria/Cinquemarzo, a cura di Daniele Poletti)
 

[dia•foria, la redazione

A quasi cinque anni dalla nascita di [dia•foria presentiamo una foto redazionale, con gli attuali membri della rivista.

Redazione di [dia•foria al 2015

Redazione di [dia•foria al 2015

La scatto è del fotografo Stefano Baroni ed è stato effettuato presso il locale Lucifero in Viareggio il 9 dicembre 2014.

Santi del 9 dicembre, 343º giorno del Calendario Gregoriano (344º negli anni bisestili). 22 giorni alla fine dell’anno:

  • Sant’Anna, madre di Samuele
  • San Cipriano di Genouillac, abate 
  • Santa Gorgonia, sorella di san Gregorio Nazianzeno
  • San Juan Diego Cuauhtlotatzin, veggente di Guadalupe
  • Santa Leocadia di Toledo, vergine e martire
  • San Pietro Fourier, sacerdote
  • Santi Pietro, Successo, Bassiano, Primitivo e compagni, martiri in Africa 
  • San Siro di Pavia, vescovo e martire
  • Santa Valeria di Limoges, martire
  • San Vittore di Piacenza, vescovo
  • Beati 10 Padri Mercedari
  • Beato Agostino de Revenga, mercedario 
  • Beato Bernardo Silvestrelli, passionista
  • Beata Dolores Broseta Bonet, martire 
  • Beato Giuseppe Ferrer Esteve, scolopio martire 
  • Beato Liborio Wagner, sacerdote martire 
  • Beati Riccardo de los Rios Fabregat, Giuliano Rodriguez Sanchez e Giuseppe Gimene, salesiani martiri

[dia•foria in Lucifero non solo perché ci piaceva la ricercatezza del posto, ma anche per quel “phèro”“pherein” che in greco significa “portare”.

 

[dia•foria, legenda

[dia•foria, legenda (clicca per ingrandire)

Ognuno di noi ha con sé un oggetto, un correlativo oggettivo che ha accompagnato, accompagna, forse accompagnerà la nostra attività e la nostra vita. Ne diremo in seguito, dando qualche parvenza di spiegazione a quanto abbiamo eretto a simbolo.