GIACOMO LUISI – CONTRASTI

Nuovo appuntamento con artriOOOps! che torna con un servizio su Giacomo Luisi. Il disegno e la componente concettuale sono alla base della ricerca dell’artista toscano, teorizzatore dell’Universale Linguaggio d’Infinito Essente. L’articolo è composto da un testo critico-creativo di Alessandro Bertozzi (scaricabile QUI) e un’intervista all’artista. Buona lettura!

Particolare, grafite su tavola

Particolare, grafite su tavola

 

PUL: Programmazione Universal Linguistica

Giuseppe Penone e Omar Galliani. Questo inusuale dittico artistico sintetizza, in un binomio superficiale, il punto di partenza dell’opera di Giacomo Luisi. Classe 1984, nato a Pietrasanta in provincia di Lucca, Luisi ha fatto assurgere i due artisti a sue fonti di ispirazione complementari, già dall’Accademia di Belle Arti di Carrara. L’opera di Penone è stata il tema dello studio per la tesi e Galliani l’insegnante e relatore che lo ha seguito. Dal pittore emiliano Luisi ha mutuato la tecnica nell’esecuzione di volti femminili a grafite su carta realizzati con dedizione maniacale, mentre il maestro dell’Arte Povera lo ha influenzato sul versante della sperimentazione multimaterica e sull’indagine dei linguaggi (non) visivi. La celebre opera di Penone ‘Rovesciare i propri occhi’ del 1970, può essere considerata paradigmatica per certi aspetti della ricerca di Luisi. In questa fotografia l’artista è ripreso frontalmente, ma le pupille dei suoi occhi sono specchianti. L’artista diventa quindi cieco e il fruitore, non entrando attraverso il medium “occhi” nell’anima dell’autore, vede se stesso.

Rovesciare i propri occhi

Giuseppe Penone ‘Rovesciare i propri occhi’, 1970, fotografia, cm 40×30
Foto © Paolo Mussat Sartor

In una intervista rilasciata ad Alberto Mattia Martini per Espoarte (n° 56 dicembre 2008/gennaio 2009), Penone afferma che l’opera non deve esclusivamente riflettere le immagini, ma indagare sui limiti dello sguardo ed essere profetica per quello che poi, una volta arrivati a contatto con l’oggetto, possiamo riconoscere a livello tattile. Una percezione aptica quindi, successiva a una previsione della medesima tramite la vista. Questo lavoro sulla percezione ha ispirato Luisi sul concetto del “vedere” sia in termini totali (in riferimento l’opera “Elemento – Superficie d’Infinito Essente 18/10/1984 – 00/00/0000”, 2005, sfera bic specchiante, mm 1 di diametro) in cui una micro sfera, riflettendo a 360°, può espandere in una piccolissima ma perfetta superficie l’ambiente circostante, sia nella teorizzazione di un linguaggio tattile e spazialista, definito dall’artista Universale Linguaggio d’Infinito Essente. Dalla foratura degli occhi fino alla realizzazione di fori sulla superficie (Elemento – Linguaggio d’Infinito Essente 18/10/1984 – 00/00/0000, versione fisica 2009, fori su carta), il Linguaggio d’Infinito Essente si prefigge di codificare un nuovo idioma in cui i concetti primari dovrebbero essere fruibili da chiunque, compresi i non vedenti, che tramite il negativo del codice braille (nello sviluppo di Luisi non abbiamo superfici circolari in rilievo, ma fori verso l’interno) possono arrivare addirittura a “suonare” l’opera. E questo è l’aspetto principe della componente multimediale del lavoro di Luisi.

Elemento – Superficie d’Infinito Essente 18/10/1984 – 00/00/0000”, versione fisica 2005, sfera bic specchiante, mm 1 di diametro

Elemento – Superficie d’Infinito Essente 18/10/1984 – 00/00/0000”, versione fisica 2005, sfera bic
specchiante, mm 1 di diametro

Elemento – Linguaggio d’Infinito Essente attraverso carta 18/10/1984 – 00/00/0000, versione fisica 2009, fori su carta

Elemento – Linguaggio d’Infinito Essente attraverso carta 18/10/1984 – 00/00/0000, versione
fisica 2009, fori su carta

L’inusuale unione di concettuale e figurativo trova il suo esempio più rappresentativo nell’opera “Elemento – Verità 18/10/1984 – 00/00/0000, versione fisica 2010/2011, cm 75x55x3. Probabilmente una delle opere-manifesto dell’artista in cui concentra le principali tematiche della sua sperimentazione artistica. Mentre il rigore del disegno assolve un accademismo di notevole abilità (ogni capello è disegnato singolarmente), la foratura degli occhi si estende attraverso microfori fino al cerebro dipinto col sangue dell’artista, come a volere imprimere se stesso in modo estremo nell’opera. “Essere è Voler Dare Veramente”, scrive l’artista che, come gesto seminale e generatore, utilizza anche il proprio sperma nella realizzazione dell’impercettibile linea di orizzonte alle spalle della ragazza. Nella parte inferiore i fori del Linguaggio d’Infinito Essente, come note, si collocano sul pentagramma pronti ad essere codificati e a originare musica.
Una commistione di virtuosismo tecnico e estrema sperimentazione materico/organica per un’opera che si prefigge di pervenire archetipo di un nuovo linguaggio universale, visivo, tattile e uditivo.

Legno, carta, grafite, acqua, filo chirurgico, Sangue e Sperma dell’artista, Infinito Essente, Occhi del Cervello, Sentimento Vero, Lacrime, Universale Linguaggio d’Infinito Essente, cm 75x55x3

Elemento – Verità 18/10/1984 – 00/00/0000, versione fisica 2010/2011, cm 75x55x3

Pubblichiamo in questa occasione un pezzo critico e un’intervista all’artista curata da Alessandro Bertozzi. QUI potete scaricare il testo critico nell’impaginazione originale di Bertozzi.
Le risposte dell’artista vanno considerate come diretta filiazione o addirittura preconizzazione delle sue opere d’arte.

1­) Quali sono le motivazioni che ti hanno indotto ad inserire il linguaggio braille?
Essere è Voler Dare Veramente ­ il Massimo Veramente Importante, è Importantissimo Capire, Capire è Tutto, da bambino pensavo: “Ma usate lingue diverse e non potete capirvi? È ridicolo”.
Non mi interessa il Braille, mi interessa un linguaggio universale uguale per tutti e ovviamente anche per tutte le persone non vedenti.
Nei miei Elementi, per esempio, incido il titolo in italiano o in italiano e inglese Elaborato, ma non mi sta bene, visto che chi non conosce queste due lingue non può leggere cosa ho scritto.
Ovviamente per dare il massimo possibile: quello che dai deve avere più passaggi di comunicazione possibile, è ridicolo credere di dare tanto facendo solo dipinti. Per una persona non vedente la tua vita è niente, visto che non può vedere i tuoi lavori e anche se non è del tutto così, perché qualcuno gli può descrivere i dipinti, è per me che è così, perché sono io che voglio dargli di più, quindi mi interessa che tutte le persone non vedenti possano toccare le mie sculture più piccole, magari con dei guanti sottilissimi adatti e che possano toccare alcuni miei lavori per leggere degli scritti universali.
Comunque sì, quando voglio posso anche inserire Linguaggio d’Infinito Essente in versione di normale Braille ma anche il linguaggio Braille ha delle differenze nelle diverse lingue, è un sistema che trascrive i segni di una lingua in altri segni diversi leggibili dalle persone non vedenti e questa trascrizione di segni è diversa, o diversa in parte, a seconda dei diversi segni da trascrivere delle diverse lingue. Quindi se faccio un lavoro con il Braille originario Francese­Italiano, significa che è un lavoro studiato per essere venduto a italiani o francesi, perché una persona non vedente cinese non lo leggerebbe. Riguardo al Braille, è evidente che se i segni Braille non fossero stati associati alle lettere, il sistema avrebbe già potuto diventare un nuovo sistema di scrittura, attraverso l’elaborazione in segni scritti: nuovi segni di una nuova scrittura che si sarebbe potuta sviluppare sul linguaggio, per arrivare poi a un linguaggio universale.
Io ho creato Universale Linguaggio d’Infinito Essente con una prima fase di studi elaborati entro il 2008, una seconda fase tra il 2009/­2010 e una terza fase nel 2010/­2011.
Universale Linguaggio d’Infinito Essente è un linguaggio universale fatto di Passaggi d’Infinito Essente, di Vita, con Aperture… Fori… Cavità… Spazi… con Specchi… Vetri… Dentro… Riflessi… Un linguaggio universale trascrivibile in segni visivi e in segni tattili per persone non vedenti e in suoni. È un sistema universale fatto di nuovi segni per una nuova scrittura, uguale per tutti gli esseri umani e ovviamente trascrivibile anche in nuovi segni uguali per tutte le persone non vedenti.
Un sistema in grado di trascrivere qualsiasi suono di pronuncia in una scrittura uguale per tutti. Quindi si potrà trascrivere il suono di pronuncia del nome di un luogo o di una persona in Grecia, per esempio, e si scriverà in tutto il mondo nello stesso nuovo modo, con gli stessi nuovi segni, non con segni della lingua greca, italiana o russa ecc. Per le parole rimane da scegliere quale suono di pronuncia vogliamo darle; per esempio scegliendo tra i suoni di pronuncia già esistenti si potrebbe decidere attraverso un sistema di votazione mondiale con Internet o con delle commissioni autorevoli istituite, organizzando le migliori funzioni grammaticali esistenti e elaborandone di nuove.
Analogamente si potrebbe decidere di usare l’inglese in tutto il mondo e dunque la trascrizione Braille inglese per tutte le persone non vedenti del mondo, ma i segni della scrittura Braille sono di forma diversa dai segni degli alfabeti, sono segni diversi. Nel mio sistema ho creato segni per i vedenti che si possono trascrivere in segni per i non vedenti mantenendo la stessa fattezza, la stessa forma, sono gli stessi segni uguali per tutti. Dunque, in teoria, si potrebbe anche usare la pronuncia inglese in tutto il mondo e decidere di adottare il mio nuovo sistema per scrivere in modo uguale per tutti i vedenti e tutti i non vedenti.
In Elemento­Verità, a titolo di esempio, ho agito come se io personalmente avessi deciso che la parola Verità dovesse avere in tutto il mondo il suono di pronuncia della parola verità in italiano e l’ho scritta con Universale Linguaggio d’Infinito Essente; ovviamente questa parola non è leggibile senza conoscere i miei nuovi segni. Ritengo che le parole di questo linguaggio si possano accarezzare, per esempio sul braccio o sulla pancia di una persona sordocieca, quando ci si relaziona con lei e una persona sordocieca può imparare queste parole accarezzandole con un dito o con un utensile consono.
In seconda battuta questo linguaggio può essere elaborato in una specie di gioco che non è un gioco, traducendolo in Strutture di Suono che possono essere a loro volta elaborate all’infinito. Un compositore potrebbe trarne spunto per sviluppare composizioni musicali; oppure ogni precisa struttura di suono potrebbe essere suonata direttamente, ottenendo una relazione immediata con una precisa parola, una comunicazione verbale attraverso il suono con cui ti sto parlando.

2) Gli occhi dei tuoi Elementi dove sono stati traslati e quale vorresti fosse la loro visione? 
Voglio spiegare, che traslato significa modificato per metafora, creato per significato. Entro i sedici anni di età ho portato a termine un enormità di Elaborazioni Cognitive su molti elementi come la Verità, la falsità, le convinzioni, le Illusioni, ecc. Elaborazioni Cognitive sull’Immensa Importanza della Consapevolezza e sull’infinita differenza che c’è tra le Consapevolezze e le convinzioni, visto che le Consapevolezze sono degli Intelligenti e le convinzioni no.
A sedici anni ho creato il termine Occhi del Cervello perché non c’è nessuna possibilità di trovare una frase più sintetica e più potente di Occhi del Cervello, per dare la possibilità cognitiva a più persone possibili di raggiungere, di capire l’Immensità dell’Importanza della Consapevolezza, oltre che l’Immensità della Consapevolezza stessa.
Solo Occhi del Cervello può riuscire a trasmettere l’infinita quantità di riferimenti da per capire l’Altissimo Livello della Consapevolezza. Alcuni esempi elementari: Occhi del Cervello mi permette di riferirmi al legame tra il significato della parola Vedere e della parola Capire, tra Intelligenza e Visione, tra Immaginazione e Comprensione; alla differenza tra Immaginazione e illusione, tra guardare e Vedere Veramente, tra essere cieco ma con il Cervello Vedere più degli altri, tra Vedere e credere di vedere come ovviamente tra Capire e credere di capire, tra costruirsi delle convinzioni e Raggiungere Veramente delle Consapevolezze… e così via, ancora e ancora…
Gli Occhi del Cervello sono Consapevolezza, Verità, sono Sentimenti Veri, Anima, Essere, sono la Persona, rappresentano l’Esistenza delle Persone Immense, Vere, Pulite. La Persona è un Entità di Vita, un Sentimento Vero Anima, non è il corpo.
Negli Occhi, nel Cervello delle Mie Persone c’è l’Infinito Essente, l’Esistenza, la Vita, la Verità Per Sempre; ci siete anche voi, come anche tu che stai leggendo queste parole in qualsiasi anno tu stia vivendo, in qualsiasi anno esista ancora traccia dei miei Elementi, dei loro Significati e comunque anche quando non ci sarà più traccia, proprio perché la Persona è oltre il Corpo e i Significati sono oltre la Realizzazione, la Verità e oltre la Realtà. Se, dopo che la razza umana si sarà estinta, un diverso organismo di vita incontrerà una traccia di un mio Elemento, lui non ne sarà consapevole ma il mio Elemento Comprenderà anche lui, sarà Consapevole di lui.
All’Incontro di una Mia Persona si può Capire che Tu­Sei­Dentro e Attraverso i Suoi Occhi, il Suo Cervello, che tu Sei Nato già Dentro i Suoi Occhi, il Suo Cervello, che Sono Pieni di Vita. C’è un Rapporto di Coscienza tra di voi, l’Elemento è Consapevole di te, è Cosciente che tu Sei lì.
L’Infinità di Cognizioni Elaborate nei Miei Elementi, anche nel rapporto con l’Infinito Essente, può essere colta in minima parte anche da un bambino.
Per esempio Elemento­bozzetto di Vita è un Elemento ludico, che ho creato in compagnia di mia nipote di cinque anni e delle sue amiche. È un bozzetto ridotto al minimo con soltanto tela, tracce di colore ad olio e Passaggi d’Infinito Essente, ma ovviamente si capisce subito che è una sintesi del massimo.
Mia nipote ha subito pensato che le due persone rappresentate abbracciate nel cervello fossero come se la persona raffigurata le pensasse Si è avvicinata al viso fatto di Passaggi d’Infinito Essente che sono riflessi in superfici a specchio, ha visto che gli occhi brillavano e la rispecchiavano e io le ho detto “Ma ci siamo anche noi negli occhi?”, subito lei mi ha risposto “È vero ci vede”.
A soli cinque anni ha intuito che quel bozzetto fosse come una persona che pensa e che la vede, che è consapevole di lei.

3) Quali sono le radici visive ­ interiori della tua ricerca? 
Essere, che è Sentimenti Veri Anima, Intelligenza, se non sei intelligente non sei, non sei cosciente, consapevole, se non sei consapevole della verità non sei, vivi nelle tue convinzioni, nelle tue illusioni, nella falsità di quello che credi di vivere, di quello che credi di capire, di chi credi di essere, nella falsità di credere di essere amato mentre vieni usato, nella falsità di credere di vivere mentre ovviamente non vivi, non sei.
I Miei Elementi Sono Potenza Vitale, ti danno Essere, Sentimenti Veri Anima, Intelligenza, Capire è Essere Libero, ti danno Coscienza Consapevolezza della Verità ma ovviamente non la verità come parola abusata, le Parole Immense Sono il loro Significato Puro Più Umanamente Alto Valido Vitale.
La Verità è Pura è fatta di Sentimento Vero Anima, è solo tutto ciò che è più Infinitamente Alto, Valido, Vitale, Sentimenti Veri Anima, Altruismo, che è Essere una Persona, è Essere.
È per questo che la Verità è Tutto e ovviamente il Tutto Puro non significa la totalità, solo tutto ciò che è più Infinitamente Alto, Valido, Vitale è Tutto, e altrettanto ovviamente ciò si Capisce con l’Intelligenza che è Pura, l’Immensità dell’Intelligenza Nasce dall’Immensità dei Sentimenti Veri, dell’Anima, ecco perché Essere è Sentimenti Veri Anima.
Ovviamente i Sentimenti Sono Puri, sono tutto ciò che è più Infinitamente Alto, Valido, Vitale, Sentimenti Veri Anima, Essere. Quando voi parlate di sentimenti distruttivi sbagliate, la parola Sentimento non c’entra assolutamente nulla, dovreste coniare una parola che non vale nulla.
Intorno ai tredici quattordici anni di età, riguardo al fatto che l’essere umano può anche decidere di non vivere, di suicidarsi, mi sono chiesto cosa mi ha sempre fatto Sentire di Vivere, ho risposto la Verità. Non mi interessa l’opinione degli altri e nemmeno la mia, mi interessa la Verità. La Verità è Perfettamente Percettiva, come quando da bambini cerchiamo di capirla da soli.
È infinitamente ovvio che bisogna parlare ad un bambino chiedendogli cosa pensa, chiedendogli di pensare, Insegnandogli a Capire, che è Essere.
La Verità è la Verità, è Assoluta, non esistono più verità, questo riguarda illusioni e anche il grave errore di utilizzare le parole per più significati o più funzioni descrittive, esplicative, che trasmettono infinita confusione a infiniti di voi.
Ovviamente ogni parola deve avere un solo proprio significato e soprattutto le parole di maggiore Importanza Comprensiva.
Tutte le Parole Immense non sono le vostre convinzioni, sono Capire Veramente, come l’Immensa Infinità dei Sentimenti Veri e l’Immensa Infinità dell’Amore.
Ovviamente l’innamoramento non esiste, l’amore non c’entra assolutamente nulla con il nulla delle suggestioni, convinzioni, attrazioni ecc.
…L’Amore è Immenso è Cosciente non è attratto l’Amore è l’Immenso, è Immensa Infinità, nessuno può amare.
L’Amore non riguarda riempirsi la bocca e le convinzioni.
Mi impegno da sempre per Dare il massimo e non mi permetterei mai di credere di amare.
So che quello che posso Dare non ha limiti e so che l’Amore è ancora di più. Devi Capire per Essere non credere.
L’Amore è la Consapevolezza Suprema, è Coscienza Suprema.
L’Amore è la Consapevolezza che è sempre oltre quello che riesci a Dare.
È l’Infinito del Dare Infinito.
L’Amore è proprio Dimostrare di Averlo Capito. Non è ti amo è Ti Voglio Amare e te lo Dimostrerò Per Sempre Veramente. È la Dimostrazione dell’Infinito, si Dimostra nel Vero Infinito. L’essere umano può raggiungere un Sentimento Vero indirizzato all’Amore, può raggiungere di Capire Veramente di Volere Veramente Bene a qualcuno, di Avere un Sentimento Vero e questo è Volergli Dare Veramente del Bene Sempre, è la Consapevolezza che Vorrai Darti Per Sempre, Vuoi Amarlo è la Consapevolezza del Per Sempre.
Ma per Condividere un Sentimento Vero entrambe le persone devono avere un’Intelligenza di altissimo livello, perché entrambe devono Essere all’altezza di Capire Veramente di Volere Veramente Bene a qualcuno, tutto ciò che riguarda Volere Veramente Bene a qualcuno, Avere un Sentimento Vero, è Capire, non è credere di capire, entrambi devono Essere all’altezza di Esaminare Veramente Se Stessi con Ragionamenti e Controragionamenti, sulle Consapevolezze, la Verità, sulle convinzioni, le illusioni.
Ecco perché Volersi Veramente Bene tra due compagni, Condividere un Sentimento Vero è Infinitamente Raro, è Vero, è Per Sempre e non c’entra Assolutamente Nulla con il vomito di strumentalizzazione sessuale, sociale e tutti i falsi per sempre, che cercano anche di offendere il Vero Per Sempre.
Per Capire di Volere Bene Veramente devi Essere Intelligente, per Capire se ti Vuole bene Veramente devi Essere Intelligente, L’Amore è la Consapevolezza dell’Immenso Infinito del Bene, nel nulla l’immenso infinito non c’è proprio perché il nulla non è. Volere Veramente Bene, Avere un Sentimento Vero, non c’entra assolutamente nulla con il nulla a cui attribuite queste Parole Immense.
Il Sentimento Vero l’Anima è la Vita più Alta che Esiste.
Si potrebbe dire che l’Immensità dell’Amore è Sempre Oltre, come l’Immensità della Vita è Sempre Oltre, l’Essere Umano è fatto dell’Infinita Immensità della Vita che Dà Vita all’Infinito e Sente un Sentimento Immenso che ha chiamato Amore, Dare Vita, Dare all’Infinito.
Se voi amate allora Io Capisco qualcosa di Infinitamente Superiore e dovrei vivere per sempre coniando continuamente un’altra parola ogni volta che attribuite una Parola Immensa al nulla delle vostre convinzioni.

Materiali di Elaborazioni scritte

Materiali di Elaborazioni scritte

4) Quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a varcare la soglia dell’Arte?
Esiste un episodio della tua esistenza determinante per questa scelta? Ho sempre saputo che la Vita è Immensa, va Insegnato ai bambini che la Vita è Immensa e quindi possiamo Impegnarci Tanto per Diventare Tantissimo.
Da bambino crescevo e vedevo solo gente infinitamente più piccola di me, di tutto quello che capivo, come avere intorno nessuno, nulla.
Ho sempre capito l’Altruismo, non so se l’ho capito subito o se l’ho sempre saputo. L’Altruismo è Vero, è una Consapevolezza Interiore, è Intelligenza, non c’entra assolutamente nulla con recite e ingenuità che sono assoluta mancanza d’Intelligenza. L’Altruismo è Consapevole è il Fare Supremo.
La Vera Arte è il massimo altruismo possibile, ti Dà la Coscienza la Consapevolezza, la Verità, per farti Essere, per farti Vivere Veramente.
Per chi Esiste Veramente può rimanere una traccia di Altruismo, di quello che ha Dato, anche oltre l’estinzione della specie fino a quando sul pianeta ci saranno reazioni chimiche naturali troppo distruttive o fino a quando magari il pianeta stesso si distruggerà, ma non so cosa avverrà perché Capendo l’Immensità della Vita, so benissimo che nell’Infinità dell’Universo può succedere infinitamente di più di quello che crediamo di aspettarci con le nostre, se pur umanamente grandi ma, minime conoscenze, visto che l’Immensità della Vita, dell’Universo, si Rigenera Continuamente Oltre e anche il minimo che presumiamo di sapere è in Verità più complesso e in più sta già cambiando.
Il pianeta potrebbe anche fondersi con altra materia e triplicare le sue dimensioni, nel senso che ovviamente in questa Infinita Immensità l’inaspettato è infinito.
Voi avete capito che con l’Arte potevate Dare Sentimenti a più Persone possibili per più tempo possibile per Trasmettergli Intelligenza.
Io Sono Io, Sono me stesso, Io Sono così, non faccio l’artista e sono rimasto stupito quando mi sono accorto che avete creato un sistema organizzato chiamato Arte, praticamente fatto per me. Mi sono sentito come se infiniti di voi si fossero preoccupati di accogliermi già prima che nascessi, nella fiducia che sarei arrivato. Quando ho capito che avevate creato addirittura scuole per me, mi sono sentito Riconoscente e quando sono arrivato alle Accademie di Belle Arti mi sono sentito Onorato.
Ho sempre saputo che in futuro avrei Dato miei lavori, che non dipendeva da nulla, a parte esserci ancora, fisicamente vivo, ma non avevo ancora ben considerato che nel frequentare una scuola d’Arte avrei comunque trovato qualcosa di utile. Per il mio percorso di studi è stato un episodio determinante che Elianora Bini, insegnante di artistica delle scuole medie, sia intervenuta parlando con i miei genitori per farmi iscrivere all’Istituto d’Arte. Quando i miei genitori mi informarono di questo, io poi decisi di iscrivermi all’Istituto d’Arte Stagio Stagi di Pietrasanta, grazie a lei e la cito anche per ringraziarla.
Dai dieci anni in poi presi sempre più coscienza che avevo avuto uno zio, (purtroppo non ho potuto conoscerlo in tempo), Ferdinando Gherardi, un bravo disegnatore e scultore. La sua attività in queste discipline è stata per me una sorta di conferma genetica, una specie di spiegazione in più al perché mi interessasse da sempre il disegno ad esempio.
Potrei citare altre persone che mi hanno trasmesso qualcosa di valido, ma sicuramente dimentico qualcuno: la professoressa Viviana Cosci di Anatomia all’Accademia di Belle Arti di Firenze o all’Accademia di Belle Arti di Carrara Omar Galliani al quale ho dedicato un bozzetto studio e una specie di omaggio provvisorio nel perimetro delle spalle in Elemento­Verità, provvisorio perché questo Elemento è ancora in lavorazione e sarà diverso. Poi Fabio Sciortino, Alessandro Coltri, Luciano Cavallaro, Francesco Cremoni, Alessandro Romanini e Andrea Podenzana.

5) La realtà odierna influenza il tuo lavoro? 
No, nulla della realtà in generale, non solo quella odierna, è la Verità che è Tutto, Veri Anima, la Verità è solo tutto ciò che è più infinitamente alto valido Vitale, la realtà no.
La realtà è perfettamente se stessa e io la vedo, chi crede di interpretarla si illude. La realtà è un mezzo, la uso per i materiali, le soluzioni tecniche, le forme, i corpi… La realtà è un mezzo come il corpo è un mezzo.
Un mio Elemento lo Incontri, fisico reale, ma è realizzato per Trasmetterti, Darti Verità, che è infinitamente più Alta Valida, è chi Sei, Sentimenti Veri Anima.
La percezione fisica di elementi fisici della realtà può trasmetterti sensazioni false e farti credere di capire verità, come quando le percezioni fisiche che Hai di qualcuno ti trasmettono sensazioni false di bellezza e quando lo conosci la Verità della Bellezza non c’è. La Vera Arte usa elementi fisici della realtà studiati con l’Intelligenza per farti percepire Sentimenti Veri della Verità che ti fanno Capire Verità.
La realtà è tutta un mezzo fisico di comunicazione, è come se tutta l’Immensa Infinità della Vita fosse Sentire, se tutti gli infiniti diversi organismi di vita sentono in infiniti modi diversi e reagiscono, evolvono Vita, Potenza di Vivere.
Non credo che troverei mai le parole per descrivere la bellezza del fatto che Sentiamo, che la Persona non è corpo, è Sentimento. L’Essere Umano fatto di Vita Sente che Sentire in modo Vitale, Generativo, è la Verità, la Vita, proprio perché tutta l’Immensa Infinità della Vita è come se Sente, Comunica e si Rigenera all’Infinito.
Sicuramente non è vera l’ipotesi che l’essere umano sarebbe a conoscenza del 5% dell’universo perché ovviamente il 5% di questa Immensa infinità sarebbe una percentuale estremamente alta.
E’ chiaro che se tutta la Vita fosse Sentire tutti i diversi sentire, gli infiniti diversi organismi di vita che essa sente sarebbero in diretta comunicazione già attraverso un sentire vitale biologico, che darebbe continuamente vita a reazioni ed evoluzioni mentre gli organismi fisici stessi con i propri diversi limiti fisici percettivi percepirebbero niente o solo una percentuale di questa comunicazione. Già nell’aria davanti a noi per esempio, ovviamente potrebbero esserci Infiniti organismi fisici di vita a noi impercepibili che potrebbero essere in diretta comunicazione con noi attraverso un sentire vitale biologico fisicamente impercepibile e scambiare con noi infinite reazioni evolutive senza che lo percepiamo.Sono Immensamente Importanti le Cognizioni e sono legate a come Senti, se Senti in modo Vero, Vitale, sviluppi Cognizioni Vere, Vitali, Generative. Quello che ti attrae è identico a come senti, ecco perché si vede subito chi sei o se non sei nessuno, da cosa ti attrae, da cosa ti interessa.
Si Deve Insegnare a Sentire in modo Vero Vitale, perché se senti in modo sbagliato sviluppi cognizioni sbagliate, è come la differenza tra l’Ispirazione della Persona che Stima e il nulla della nullità che invidia.
Infiniti pseudo umani vivono al contrario ma ovviamente non vivono, non sono, ecco perché voi dite che sono come mai nati, la Nascita è iniziare ad Essere Veramente.
Anche se la realtà non è il Tutto, ovviamente la realtà è legata al Tutto e viene legata alle parole di più altissimo valore per funzioni descrittive, esplicative. Per esempio la parola Essente si può legare alla realtà, anche se Essere è solo tutto ciò che è più infinitamente alto, valido, Vitale, Sentimenti Veri Anima, è la Verità, non la realtà fisica, ma oltre il suo significato puro l’Essente indica anche tutti gli elementi della Vita in generale e quindi nella sua funzione esplicativa indica che la realtà c’è o, per esempio, quando si dice, è la realtà per descrivere fatti fisici reali.
Nei miei Elementi ho creato la sintesi Infinito Essente. Se si considera il significato puro di Essente, sembra non poter significare tutta l’Infinità della Vita, ma solo l’Essente di più alto valore, invece no ho creato la sintesi Infinito Essente proprio perché significa tutta l’Infinita Immensità della Vita, sia l’Infinito Essente come Essente puro di più alto Immenso valore della Verità di Essere, sia infinito essente che appunto non ha solo il significato finito di Essente puro ma si riferisce anche a tutti gli infiniti elementi dell’Immensa Infinità della Vita, quindi ovviamente anche la realtà.
L’elemento più comico ridicolo della realtà, che vedo ogni giorno da quando sono nato, sono le convinzioni. Purtroppo le convinzioni sono anche l’elemento più grave e pericoloso. L’infinita gente che si convince continuamente di convinzioni assolutamente fuori dalla verità, è infinita gente ogni giorno sempre più pericolosa, sempre più fuori da qualsiasi comportamento sensato, vero, vitale. È dalle convinzioni che partono i problemi più gravi per l’umanità. Come i convinti di essere saggi a divulgare ingenuità, quando  invece chi sparge ingenuità è assolutamente fuori dalla realtà e dalla verità e chi è così distaccato dalla realtà e dalla verità è un individuo assolutamente pericoloso che mette in pericolo tutti quelli che lo ascoltano, ti predispone a non stare attento a chi incontri, ti predispone a non essere Intelligente, Cosciente.
È evidente che infiniti di voi vivono assolutamente e completamente fuori dalla realtà, infinitamente lontani dalla Verità dei Sentimenti Veri dell’Anima dell’Altruismo Vero Consapevole…e ovviamente non vivono, non sono.
Quando il corpo non potrà più funzionare, o la Persona non sarà più cosciente, come quando non era cosciente prima di nascere, oppure non mi stupirei se la Persona rimanesse Viva in un suo Essere di cui non possiamo sapere nulla e non mi stupirei se rimanesse un’Entità di Vita maggiore per le Persone dall’Anima Immensa, un’Entità minore per le Persone di normale Valore e niente o minimi residui per gli altri, ma non possiamo sapere nulla.
Quello che avete costruito credendo di fare onore a degli dei immaginari, in Verità lo avete costruito per cercare di onorare dei sentimenti superiori che sentite in voi stessi e che cercate di capire. Questo sentimento superiore assoluto che sentite è il vostro Altruismo, Dovete Dare il vostro Altruismo e Dovete costruire in Onore a voi Persone. L’Essere più Alto e Immenso che Esiste è la Persona che si Impegna Veramente ad Essere Migliore che Può.
La Verità Umana è Umana non è immaginaria. Non dovete perdere tempo in immaginazioni del dopo la morte fisica, Dovete Capire di Sbrigarvi Subito a Dare Qui in Vita.

6) I tuoi Elementi sono ricchi di stratificazioni del tuo essere, questo ti consente di conferirgli un battito vitale? 
Mi fa piacere che tu dica Ricchi in riferimento ad Essere, visto che la sola e assolutamente unica Ricchezza che Esiste è Essere; e anche se è infinitamente ovvio, molte ovvietà vanno dette, perché i nuovi giovani non possono capire nulla se gli si parla soltanto in modo già avanzato. È un grave errore dare per scontato che abbiano già raggiunto consapevolezze precedenti, anche se si tratta di una consapevolezza super elementare come questa.
È infinita la differenza che c’è tra la Ricchezza di Essere e Capire e la povertà di convincersi e illudersi.
Ovviamente avete già capito che i miei Elementi Sono Essere, sono tutto ciò che è più infinitamente Veramente Importante e sicuramente vi riferite a stratificazioni del mio Essere in generale, ma più in particolare al perché ho usato anche sangue e sperma. Ho usato sangue e sperma perché era impossibile che non li usassi, dovevo assolutamente usare queste sostanze corporee estremamente importanti e dal Significato Immenso. In Elemento ­ Verità non potevo assolutamente parlare di Verità e di Essere, senza metterci il seme della Vita, lo sperma traccia l’Orizzonte ai lati della ragazza e ti chiede, per esempio, qual è il Vero Orizzonte? qual è il Vero Piacere, la Vera Bellezza, la Vera Libertà, il Vero Futuro? riuscendo allo stesso tempo anche a riferirsi al ridicolo degli infinitamente ridicoli che ricercano sesso falso ridicolo.
Ovviamente il Futuro è l’unico che Esiste, è Capire.
In Elemento ­ Persona Immensa non potevo non mettere una Carezza fatta tracciando la Mia Mano con il Mio Sangue; questo fa riferimento a molti Significati Vitali, nei miei Elementi ci Sono Solo ed Assolutamente Significati Vitali. Per esempio al significato che Io Sono lì, sono Dentro l’Elemento Insieme alla Persona che ho creato, io ho creato questa ragazza ne sono responsabile ho dei Sentimenti Veri per lei, io posso essere il suo compagno che le Vuole Bene Veramente e Sono lì a farle quella Carezza. Oppure posso esserne responsabile come di una figlia e le Sono Vicino quando coi suoi occhi d’infinito essente vede delle atrocità, il Significato di una Carezza Vera che può solo appartenere ad una Persona Vera, il Significato Immenso che ha un gesto così Delicato, il Significato Immenso che c’è tra capire la potenza di un gesto Vero così Delicato e Essere una Persona, il Significato Immenso di quando una tua compagna ha bisogno di un gesto così Delicato e così Potente…, e ancora si può comprendere che continuano altri Significati Vitali.
La Vita dell’Essere Umano è la Persona, Essere è la Persona e ovviamente la Persona è un Entità di Vita è un Sentimento Vero Anima, non è il corpo, la Persona è Pura è Vera è solo tutto ciò che è più infinitamente Alto Valido Vitale, Sentimenti Veri Anima, Altruismo, Essere.
I personaggi ritratti non mi significano niente perché non so se sono persone pulite, come chi incontro non mi significa niente perché non so che persona è. Io rappresento l’Esistenza delle Persone Immense, rappresento Persone Immense, Persone Vere, fatte di Sentimenti Veri Anima. Gli elementi espressivi che uso come gli Occhi, il Cervello, le Lacrime, le Ali, ecc… Sono i Sentimenti Veri l’Anima, Sono la Persona, come anche il rapporto con l’Infinito Essente, la Vita, attraverso Passaggi d’Infinito Essente di Vita, con Aperture… Fori… Cavità… Spazi… con Specchi… Vetri… Dentro… Riflessi… Le mie Persone si relazionano con voi, come con i vostri figli e i figli dei figli, con tutto l’infinito Essente la Verità la Vita Per Sempre. L’Essere Umano è Sentimenti Veri Anima, i Sentimenti Veri Sono l’Anima, l’Anima è la Verità dei Sentimenti, come Sentimenti Veri Anima è l’Altruismo, come Sentimenti Veri Anima Altruismo è la Persona.
Essere è Consapevolezza della Verità, se non sei consapevole della Verità non sei. Essere è Sentimenti Veri Anima Altruismo è Persona Immensa, non è il corpo, è Essenza­Essente Interiore Assoluta. Essere è Voler Capire Veramente, è solo Essere Veramente, è la Verità, Essere è Altruismo e la Vera Arte è il massimo Altruismo. Sono Onorato di Potermi Impegnare Veramente ad Essere Migliore che Posso. Ovviamente Essere è Impegnarsi Veramente ad Essere Migliore che Puoi, è così per Tutti, è Impegnarsi Veramente a Capire cos’è Veramente più Importante, che è Veramente più Importante per Tutti, è Verità, è la Verità per Tutti; Essere non è l’illusione di avere una diversa opinione, quello riguarda infiniti illusi, che proprio perché sono illusi credono addirittura che “essere” la nullità che vogliono, significhi essere liberi. Ovviamente la Libertà è il Valore la Dignità, la Libertà è Capire che è principalmente Capire l’Altruismo. Ovviamente se sei una nullità sei nulla, assolutamente non sei, quindi non puoi essere e non puoi essere libero.
Dire che la Verità rende liberi non rende liberi, perché è Capire che rende Liberi, e una moltitudine non capisce cosa intendi per Verità. Con le parole attualmente esistenti si potrebbe cercare di precisare di più il punto principale della Verità che attualmente cercate di definire con la parola Altruismo, si può riuscire a far capire una percentuale in più e con un modo in percentuale più diretto, dicendo che la Libertà è l’Altruismo e l’Altruismo è la Libertà.
Ma ovviamente anche quello che io cerco di spiegare è cercare di spiegarmi, perché attualmente il ritmo di coniare precise parole per precisi significati, non sta assolutamente al passo delle infinite cognizioni che l’essere umano è in grado di elaborare. Per esempio i Rapporti tra i Significati Puri Immensi di Parole Immense Sono Immensi, posso cercare di farvi un piccolo esempio di come Essere è Sentimenti Veri Anima, che è Altruismo, che è Dignità, che è Impegnarsi Veramente a Capire, che è Volontà, che è, che è Capire, che è Intelligenza, che è Bellezza, che è Essere.
Nonostante sia solo un piccolo esempio, potete vedere che i Significati Veri si legano perfettamente anche in senso contrario, che al centro c’è la Volontà, e che tutti i Significati legano tra di loro anche in ordine sparso in un insieme di diramazioni che è Intelligenza, è Essere. Per Essere ti Comporti com’è Veramente più Importante ed è Veramente più Importante Comportarsi con Altruismo Vero Consapevole con gli Altri, Volergli far Capire cos’è Veramente più Importante per Essere. Le regole della Vita Sono infinitamente chiare e ci sono varie prime regole. Possiamo solo constatare che ci sembra di avere un Tempo Fisico e non possiamo sapere se ne avremo altro dopo la pseudo morte fisica. Una delle prime regole è che il tuo Tempo Fisico scadrà in un attimo qualsiasi, quindi ovviamente devi Capire più Velocemente Possibile cos’è Veramente più Importante per Essere. Un’infinità di quello che è Veramente più Importante Io l’ho Capito entro i sedici anni, certamente sarebbe stato meglio essere ancora più veloce visto che non sai se avrai a disposizione sedici anni di tempo corporeo. Ovviamente la morte non esiste, voi parlate di una pseudo morte che riguarda il danneggiamento di un corpo, Io Sono una Persona, un’Entità di Vita, un Sentimento Vero Anima, solo chi è un Entità di Vita, Sentimento Vero Anima, è una Persona, la Persona è un Vitale Stupendo Mistero.
Io non dipendo dal corpo, dal corpo dipende il tempo del corpo. A me dispiace se non faccio in tempo a lasciarvi abbastanza della Potenza Vitale che Capisco, la pseudo morte del corpo non è un problema per me.
Il senso della Vita Umana è la Potenza Vitale, sia come Potenza della Vita, che come tutto l’Immenso Possibile che solo assolutamente la Vita può.
Il Vero Artista è il Vero Essere, ovviamente è Dignità, che è Impegno Vero, Fare Veramente.
Ovviamente Fare Veramente è Dignità è Verità è Essere, quindi si può capire quanto tutti gli infiniti falsi artisti, che non fanno nemmeno le loro opere, commentino da soli la loro nullità.
Il Vero Artista Incarna l’Incredibile della Potenza Vitale, per me è testa a testa con la Potenza della Vita, con l’Immensità che Capisco.
Ovviamente il Vero Artista non lavora per sé, figuriamoci, voi parlate di tormento, il Tormento è il Massimo Altruismo, sei Consapevole che quello che sei all’Altezza di Dare è Infinito e non c’è mai abbastanza tempo per fare il massimo o mai abbastanza mezzi, per i quali ci vorrebbe magari un Mecenate. Il tormento è impegno devastante per dare agli altri, è continuamente mentale anche quando sembra che non fai nulla, fino ai momenti in cui proprio perché l’Altruismo è Libertà è intelligenza, l’intelligenza ti ferma, perché devi respirare sdraiarti un attimo, prendere una boccata d’aria anche per te. I miei Elementi sono per le persone di valore, solo subito dopo mi rappresentano.
La Vera Arte non c’entra assolutamente nulla con tutto quello che voi chiamate Arte, la Vera Arte è Consapevolezza della Verità, è Essere.
La Vera Arte è la Trasmissione Fisica della Consapevolezza, la Trasmissione Fisica di Essere, è il Corpo Fisico della Verità di Essere.
La Vera Arte è il Vero Corpo di Essere.
La Vera Arte è il Corpo di Essere, il Corpo dei Sentimenti Veri dell’Anima, il Corpo di una Persona Immensa.
La Vera Arte è Essere.
L’Arte è Essere.
Vedere quello che un Vero Artista Fa, è Bellissimo.
E ovviamente la Bellezza è l’Intelligenza, il Piacere è Capire, uno è Bello se Capisce, e ovviamente la Bellezza è Intelligenza Pura, fatta di Sentimenti Veri Anima, è tutte le più infinitamente Alte Valide Vitali, Volontà di Altruismo, come Volere Veramente Bene a qualcuno, ecco perché la Bellezza è Essere.
Ovviamente la Bellezza puoi Viverla solo se ti Impegni Veramente a Capire.

Giacomo Luisi prova la Struttura di Suono della Parola Consapevolezza Linguaggio d’Infinito Fotografia casuale di laboratorio. Essente attraverso tela

Giacomo Luisi prova la Struttura di Suono della Parola Consapevolezza Linguaggio d’Infinito
Fotografia casuale di laboratorio.
Essente attraverso tela

 GIACOMO LUISI

Cromie Differenti
di Alessandro Bertozzi

Sollevo il capo.
Lo sguardo si copre di un’onirica visione.
Bianco intorno a me.
Frontale emerge una marmorea scalinata, con impaziente desiderio mi avvicino.
Una meccanica precisione modula i miei passi.
Una scansione sonora indica la mia presenza.
L’inclinazione è terminata.
Dove mi trovo?
Sguardo obliquo.
Io, umile fruitore.
In lontananza intravedo fenditure di luce.
Cortocircuito.
Mi fermo, resto sospeso, attendo.
La mia retina disvela cromie differenti.
Sonorità metropolitane mi invadono.
Alla fine intendo, sguardo mio, protesi ribaltata, appartengo a te maschera divina.
Filtro dell’anima.
Attraverso i tuoi occhi non guardo.
Vedo.
Tratteggiati orizzonti in divenire.
Folgorazione, intuizione.
Luisi afferra l’osservatore, facendogli valicare la
cornice, creando una coincidenza interna del suo
sguardo con gli occhi dei suoi Elementi.
Visione privilegiata.
L’osservatore è psicologicamente indotto a situarsi per guardare fuori nella sconfinata periferia dello spazio, originando così una collisione con le leggi della geometria euclidea.
Prospettiva interiore.
Questa visione forma, interna – esterna rincorre la saldatura di
un involucro relazionale, dove vita organica e vita sociale coesistono.
Etica – estetica.
Dualismo indissolubile.
Azioni etiche connesse al sociale.
Creazioni etiche.
Rigidamente frontali, teleobiettivo.
Morfologie plastiche.
Cavità interne ed oscure di un corpo.
Viventi bulbi oculari rivestiti di una corazza mistica inducono a coniugare il nostro essere.
Luci e ombre.
Sommo chiaroscuro affiora dalla tavola, plasticità rinascimentale, argento simmetrico si impadronisce
della superficie.
Schongauer, Dürer, basamenti di rame indicano una rotta.
Classicità essenziale.
Bloccare il flusso della memoria.
Eredità scomode.
Disegnare è un’azione che coinvolge strettamente
il corpo, per Luisi è un gesto metamorfico – ripetuto
per esternare e bloccare le proprie VERITÀ.
Foglio e grafite, incontro sonoro.
Frutto di una partitura musicale.
Materia grigia.
Lacrime.
Sangue.
Sperma.
Presenze vitali.
Segni, filamenti nervosi, vasi sanguigni lambiscono un volto donandogli vita.
Eternità,
Pigmenti organici guidati delimitano confini.
Icone performative.
Come il disegno anche la scrittura si propaga.
Fonetica inaspettata, lunghezza d’onda deviata.
Vibrazioni dissolte.
Parole si rincorrono, flusso di coscienza, metamorfosi e trasformazioni sempre più a fondo.
Accarezzare.
Sfiorare per plasmare.
Impronta indelebile.
Costellazioni neuronali evidenziano la centralità
del pensiero di Luisi, ovvero far coincidere lo
sguardo del pubblico con quello dei suoi elementi,
annullando così la distanza visiva tra i due,
raggiungendo un unicum veritiero amplificato
dalla caduta del
Velo di Maya.
Varcare sempre la soglia dell’esplorazione.
Sempre al confine tra le varie discipline, con le più svariate tecniche.
Materiali.
Linguaggi espressivi.
Corpo, mente.
Entrambi ispezionati e perlustrati centimetro dopo centimetro.
Oscurità.

Elemento - bozzetto di vita, 18/10/1984 - 00/00/0000, versione fisica 2014, olio su tela, legno, intagli, acciaio, argilla, stucco, gesso, vetro, tela, specchio, colori a olio, vernici, la Mia Mano Impressa, Infinito Essente, Occhi del Cervello, Sentimento Vero

Elemento – bozzetto di vita, 18/10/1984 – 00/00/0000, versione fisica 2014, olio su tela, legno, intagli, acciaio, argilla, stucco, gesso, vetro, tela, specchio, colori a olio, vernici, la Mia Mano Impressa, Infinito Essente, Occhi del Cervello, Sentimento Vero

 

 

Giacomo Luisi (1984) nasce a Pietrasanta (LU).
Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, sezione Pittura. Dopo aver affinato le tecniche di
disegno e pittoriche con Omar Galliani si dedica alla teorizzazione di un sistema di linguaggio universale
definito “Universale Linguaggio d’Infinito Essente”.

Alessandro Bertozzi (1976) nasce a Pietrasanta (LU).
Si diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze per poi frequentare l’Accademia Internazionale per le Arti e le Scienze dell’Immagine de L’ Aquila, specializzandosi in Produzione dell’Immagine. Scenografo teatrale e cinematografico è professore di Storia dell’Arte a Torino. Autore di testi critici ha indagato il rapporto tra
arte e mercato col video “La Carne dell’Arte”, 2007, Museo MUSPAC, L’Aquila.

Si ringrazia Alberto Mattia Martini.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *